Loading...

La rassegna che fa luce sul lato buio

Ombre Festival 2017

Il festival

Le nostre vite finiscono quando tacciamo di fronte alle cose davvero importanti

Martin Luther King
Un festival che possa gettare luce sull'ombra, perché l'ombra esiste nella nostra vita e si muove sul limitare dell'uomo [...] un momento in cui concedersi il privilegio di riflettere sulla necessità di conoscere e attraversare le zone d'ombra per raggiungere un bagliore in grado di illuminare l'esperienza del vivere.
Nell'edizione 2017, a venticinque anni dalla loro scomparsa, si è deciso di dedicare l'intero Festival a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, uomini che rappresentano un patrimonio culturale e umano da difendere e diffondere.

Celebreremo due figure così importanti per mezzo di incontri con autori, dibattiti, teatro, musica, convegni, mostre e molto altro, grazie alla collaborazione della Polizia di Stato, della Regione Lazio, del Comune di Viterbo, della Fondazione Sicurezza e Libertà, S.I.U.L.P., dell'Osservatorio Nazionale Agromafie, Fondazione Pol.i.s. ed altre fondazioni e associazioni.

Chi siamo

Non c'è in Italia, un gruppo di poliziotti che nel tempo libero organizza eventi e festival, che mette a disposizione le ore fuori servizio per quello che a tutti gli effetti è volontariato culturale.

On. Daniele Leodori
Presidente del Consiglio Regionale Lazio
L' Associazione Mariano Romiti è stata fondata ed è composta da poliziotti, persone che conoscono le ombre; di lì l'idea di un festival che potesse gettare luce sull'ombra e anche elogiarla, perché l'ombra esiste nella vita, è essenziale e non è mai inadatta, proprio perché si muove sul limitare dell'uomo. Proprio perché è un'ombra, si propaga attorno come la seppia propaga l'inchiostro, scuro, appunto. Ogni persona proietta un'ombra, che la segue sempre. Ombre Festival diventa dunque un momento in cui concedersi il privilegio di riflettere non solo sull'assenza di luce, ma sulla necessità di conoscere e attraversare le zone d'ombra per raggiungere un bagliore in grado di illuminare di luce propria, e non riflessa, l'esperienza del vivere.
L' Associazione Mariano Romiti è un'associazione culturale apolitica e apartitica, non lucrativa avente lo scopo di promuovere le attività letterarie.
L’attività principale è l'organizzazione di Ombre Festival che intende essere occasione di incontro tra gli operatori della Giustizia, il mondo letterario e la cittadinanza, promuovendo l’arte, la cultura ed il territorio in memoria di Mariano Romiti, vittima del terrorismo, nonché promotore della formazione del primo sindacato di Polizia. Le iniziative dell’associazione sono volte alla valorizzazione dell’aspetto umano e sociale dell’operatore di Giustizia.

Il direttivo

Alessandro Maurizi
Direttore generale
Elena Cacciatore
Vice Presidente della Romiti e condirettore artistico dell’Arena Faletti
Romano Lucarelli
direttore Premio Provinciale di Letteratura Romiti Junior
Giovanni Zanobi
Logistica e direttore Premio Ombra
Rosida Geri
Coordinatrice Premi Romiti e Romiti Junior
Giulio Cristofori
cura gli eventi inerenti la legalità
Paola Riegel
Responsabile volontari
Renato Paoletti
Responsabile volontari
Rita Ceraldi
Responsabile segreteria amministrava e collaboratrice segreteria organizzativa
Eleonora Ceccarelli
Revisore dei conti e collaboratrice segreteria organizzativa
Ivano Francesco Liberati
Supporto logistico
Paolo Scoponi
Responsabile segreteria amministrativa
Cristina Marra
direttore artistico dell’Arena Faletti e collaboratrice dell’Associazione Romiti
Giornalista pubblicista, vive e lavora tra Reggio Calabria, sua città natale, Roma e Milano. Si occupa di critica letteraria con particolare riferimento alla narrativa giallo-poliziesca. Cura le rubriche: StrillLibri sul quotidiano Strill.it”, Animali in noir sul web press MilanoNera, Segnalibro e Interviste con l’autore sul trimestrale Helios Magazine. È corrispondente di Global Press e redattrice di tutte le citate testate.
Ha curato l’antologia di racconti Ventonoir, Animali noir e Crimini sotto il sole.
È direttore artistico del Festival del giallo (2012- 2013) di Cosenza, del premio letterario Margherita Rosa (2013) di Santa Margherita Ligure, del festival Lipari noir (2014-2015) di Lipari, della rassegna Giallo al Castello (2015) di Reggio Calabria, del Festival Bologna on the road, le strade del noir (2015) di Bologna.
È organizzatrice delle rassegne letterarie Il gusto del noir e Un tuffo nel giallo a Cosenza, Apericena col detective a Reggio Calabria e, insieme all'associazione BellaVista di Bologna, della manifestazione Atmosfere in noir. Ha scritto i racconti noir Lo scoglio per l'antologia Delitti d'estate (Novecento editore, 2014) e L'estate sta finendo per l'antologia Crimini sotto il sole (Novecento editore,2015).
È direttore della collana di romanzi noir Emozioni d'inchiostro noir di Laruffa editore.
E’membro della Giuria Popolare del Premio Letterario Nazionale Tropea, e giurata di qualità del premio Nebbia Gialla e del concorso letterario Emozioni d'inchiostro Noir.

Programma 2017

Programma della manifestazione
Viterbo | 8-15 Luglio 2017
Ci si può innamorare di un festival come di una musica, ci s’inciampa, quasi per caso, come nelle tele di ragno che pendono invisibili dai rami e può accadere che nell’attraversarle non vengano più via dai capelli, dal viso e dalle ciglia. Ci s’innamora dei sogni, perché con la fantasia sappiamo fare molto, perché i sogni ci riguardano, ci abitano e non vanno mai via. È diventato naturale per la nostra Associazione fatta di poliziotti che le Ombre conoscono, sognare un festival che potesse gettare luce e anche elogiare l’Ombra perché esiste nella vita, è essenziale e non è mai inadatta proprio perché si muove sul limitare dell’uomo; un’ombra si propaga attorno come la seppia propaga l’inchiostro, scuro, appunto. Noi proiettiamo un’ombra. Inutile spostarsi, ci segue, sempre. E allora un festival come il nostro diventa un momento in cui concedersi il privilegio di riflettere non solo sull’assenza di luce, ma sulla necessità di conoscere e attraversare le zone d’ombra per raggiungere un bagliore in grado di illuminare di luce propria, e non riflessa, l’esperienza del vivere. Borges elogiava l’ombra, posato nell’ombra e dall’ombra attento. Democrito preferì vivere nell’ombra, perché le ombre sono così, mai barbose anche se attaccate e imprigionate dentro la loro esistenza. Perché nell’ombra c’è il mistero, tutto ciò che precede e che al sangue segue, come macina al collo che tira a fondo con l’idea di combattere colui che il crimine lo vorrebbe rendere perfetto. In Ombre Festival affronteremo tutto questo e altre Ombre ancora e lo faremo incontrando autori e personaggi. Illumineremo le zone d’Ombra con la musica, con il teatro e con le immagini in un festival che ha l’ardire di entrare nei nostri sguardi per modificarne gli orizzonti. Ombre che come foglie secche possano poi volare via, leggere, perché è nel modo in cui ci si libera dalle paure che risiede la nostra speciale libertà affinché il nostro sorriso non diventi mai amaro.
Alessandro Maurizi

Partners

Dicono di noi

Ombre Festival” sta invadendo con palchi ricolmi di ospiti e piazze affollate di pubblico le suggestive strade del centro storico di Viterbo…

Il Messaggero 24 Luglio 2016

Dicono di noi

Non c'è nel Lazio, ma credo anche in Italia, un gruppo di poliziotti che nel tempo libero organizza eventi e festival...

On. Daniele Leodori Presidente del Consiglio Regionale Lazio

Le locations della manifestazione ...e come raggiungerle

Contatti

Chiamaci
+39 392 25 47 198
Sede
V.le M.llo M. Romiti